Seleziona una pagina

Regole per bambini nell’Era Digitale

regole educazione bambini era digitale michele facci psicologo

Spesso i genitori mi chiedono se esistono delle regole “standard” che possono aiutarli a gestire il rapporto tra i loro figli e le tecnologie. In generale la regola migliore è il buon senso e un buon senso critico da parte degli adulti, tuttavia, anche se ogni caso richiederebbe un’analisi approfondita, volendo generalizzare ecco due semplici decaloghi che potranno aiutare educatori e genitori nell’educare i bambini nell’era digitale!

04/06/14 “10 regole FONDAMENTALI per educare i bambini all’uso dello smartphone”- Gruner+Jahr/Mondadori link
17/04/14 “10 regole sull’uso del tablet da parte dei bambini” intervista sulla rivista “Nostro Figlio” – Gruner+Jahr/Mondadori link

I 10 diritti del Nativo Digitale

diritti-nativo-digitale-maria-maura-michele-facciGrazie all’incontro tra il sottoscritto e la dott.ssa Maria Maura, è nata una proficua collaborazione con il Centro Studi Erickson e il Garante Nazionale per l’Infanzia, il quale ha patrocinato questo fantastico video sui diritti del nativo digitale!

Guarda il video su YouTube!

Essere genitori ai tempi di smartphone e tablet: Generazione Cloud

generazione cloud essere genitori ai tempi di smartphone e tablet michele facci mauro berti serena valorzi

La rivoluzione digitale, che trova un suo momento particolare nella diffusione della tecnologia Cloud, ha influenzato gli stili di vita, di comunicazione, di socializzazione e di apprendimento, ponendo nuove sfide alle famiglie e alle scuole. Genitori e insegnanti si trovano infatti a crescere e educare generazioni di bambini che spesso utilizzano in modo naturale, veloce e spontaneo strumenti sconosciuti agli adulti. A volte li scoprono autonomamente, senza che nessuno gliene spieghi pericoli e potenzialità, senza che qualcuno ne regolamenti l’esplorazione. Anzi, accade di frequente che siano i figli a spiegare ai genitori come si usa qualche funzione di un particolare telefono cellulare piuttosto che di un programma per computer.
Scopo di questo libro è fornire agli educatori — genitori, nonni e insegnanti — non competenze tecniche o informatiche bensì la cornice culturale, le modalità di approccio e le indicazioni che possono aiutarli e sostenerli nella loro azione quotidiana a favore della crescita e dello sviluppo dei bambini e dei giovani nell’Era digitale.

Una guida rapida ma completa: ecco tutto quello che devi sapere per aiutare i tuoi figli a crescere, sfruttando le potenzialità delle tecnologie ma imparando a evitarne i pericoli.

Il primo libro divulgativo sulla generazione delle nuvole:
 come il Cloud sta cambiando la vita. Non solo Facebook, cellulari o videogiochi, ma un sistema di vita sempre più digitale è quello che caratterizza la vita dei nostri figli.

Ora disponibile anche su iBook Store di Apple – Google Play per Android e Amazon Kindle!

Generazione Cloud genitori tempo di smartphone tablet ebook Generazione Cloud genitori tempo di smartphone tablet ebook

Il dramma del nativo digitale: pensa che il sesso (vero) sia come YouPorn

sesso come in youporn wired“In mancanza di una vera educazione alla sessualità che insegni loro anche gli aspetti affettivi ed etici dell’atto sessuale i ragazzi non riescono a comprendere che i video porno sono fiction e non una rappresentazione fedele della realtà.”

Questo è sicuramente il pericolo più grande per i giovani che fruiscono della pornografia in rete: non saper più distinguere finzione da realtà. Un video porno molto spesso rappresenta una sessualità molto diversa da quella che si crea nel contesto di una coppia di persone che si amano e fanno l’amore. Non ci sono i preservativi o altre forme di precauzione e contraccezione, non ci sono carezze, parole d’affetto, non ci sono preliminari, abbracci, baci. Forse l’educazione sessuale nelle scuole andrebbe fatta, ma non tanto intesa come fisiologia o anatomia, ma come profonda, vera e seria educazione emotiva.

Leggi l’intero articolo di Wired.

La mente aumentata – Marc Prensky

la_mente_aumentata_marc_prensky_michele_facci_generazione_cloud_copertinala_mente_aumentata_marc_prensky_michele_facci_generazione_cloud_dedicaHo avuto l’onore di conoscere personalmente Marc Prensky in quanto ci siamo trovati come relatori al 9° Convegno internazionale La Qualità dell’integrazione scolastica e sociale Palacongressi di Rimini, 8-10 novembre 2013, Erickson. Ne è nata un’amicizia e un proficuo confronto di idee e prospettive. Il suo libro, La mente Aumentata, Ed. Erickson, Trento, è sicuramente una tra le migliori rassegne al mondo degli studi sull’impatto dell’utilizzo delle tecnologie sulla nostra mente. Presnky ne analizza aspetti positivi e negativi, arrivando però a delle conclusioni molto interessanti..

Presentazione del libro: “In un mondo in cui la risposta a ogni domanda è a portata di mano, quale spazio resta alla mente dell’uomo? Oggi, grazie a oggetti che occupano poco più che il palmo della nostra mano, siamo in grado di gestire calendari, documenti e rapporti personali con una facilità tale che molti restano disorientati quando si trovano a dover eseguire queste operazioni senza l’ausilio dell’elettronica. Non è raro, allora, ascoltare gli appelli allarmati di chi invoca una minore invasione della tecnologia a favore di un’interazione diretta, nel timore che un ricorso eccessivo all’intelligenza artificiale condizioni negativamente la nostra capacità di pensare. Marc Prensky, celebre opinion leader e interprete dei cambiamenti che la rivoluzione digitale ha portato al nostro modo di vivere, non la pensa così. In questo saggio, controverso e discusso, egli dimostra che un uso intelligente della tecnologia potenzia la mente e le sue abilità, piuttosto che inibirle. Attraverso decine di esempi, l’autore illustra come una combinazione ragionata delle capacità del pensiero, come l’assunzione di decisioni o il ragionamento complesso, con le possibilità concesse dalla tecnologia, come l’archiviazione ed elaborazione di grandi quantità di dati, porti indubbi benefici al nostro funzionamento cognitivo. Come fare in modo, allora, che mente e tecnologia estendano a vicenda i rispettivi potenziali? La risposta di Prensky è: ricercando la saggezza digitale, un’interconnessione tra umano e tecnologico che consenta all’homo sapiens di cogliere le maggiori sfide del XX secolo, affrontando con efficacia le prossime fasi dell’evoluzione cognitiva.”

Guarda la presentazione del libro di Marc Prensky (per visualizzare i sottotitoli in italiano occorre attivare la funzione Sottotitoli su YouTube)