Seleziona una pagina

Il cellulare è diventato da anni l’oggetto con cui passiamo più tempo ogni giorno, a casa, al lavoro, al supermercato, in bagno e persino a tavola e per quanto il nostro smartphone possa essere utile dobbiamo fare attenzione a non lasciare che sia lui a guidare le nostre azioni e la nostra vita (non è l’Unico Anello e voi non vorrete mica diventare come Gollum vero?).

 

Se anche voi non riuscite a fare a meno del telefono e ve lo portato appresso costantemente potreste interessante il nuovo articolo del Dott. Michele Facci riguardo la nomofobia. Ma che cos’è la nomofobia?

 

La nomofobia (no-more-phone fobia) è avere una relazione ossessiva ed oppressiva con il proprio smartphone. Se non riuscite a staccarvene e se non averlo a portata di mano vi mette ansia ed angoscia, potreste (inconsapevolmente) avere una relazione negativa con il vostro device preferito. Nell’articolo, il Dott. Michele Facci condivide alcuni consigli pratici per riuscire a distaccarsi dal proprio cellulare.

Qui potrete leggere le pratiche condivise dal Dottor Facci, ma vi consigliamo caldamente di approfondire il tutto nell’articolo su Cosmopolitan.

 

  • Distanza

Speratevi fisicamente dal cellulare, lasciatelo in camera, non portatevelo in bagno o a tavola. Scegliete una stanza della casa in cui il vostro cellulare non potrà seguirvi, che sia un’aula studio, la cucina o il bagno… imponete dei confini che il vostro cellulare non dovrà superare.

 

  • Silenzio

Disattivate le notifiche e lasciatelo in modalità silenziosa, non lasciate che siano le altre persone o i social a decidere quando dovete usare il cellulare, disattivate le notifiche ed inizierete ad usare lo smartphone solo quando lo volete voi.

 

  • Dagli Buca

Fissate in anticipo dei momenti o delle occasioni in cui non guarderete il cellulare, che siano due ore per vedere un film o fare una passeggiata, imponetevi di ignorare completamente il vostro telefonino.

 

  • Usalo meno, usalo meglio

Limitando il tempo che passate al cellulare, inizierete ad usare quel tempo per fare attività di “qualità”, (non scorrendo la bacheca di Instagram) che sia leggere le notizie del giorno o mandare un messaggio alla mamma l’importante è fare qualcosa che sia effettivamente un piacere per voi o altre persone.